close

Intervista ad Alvise De Nardi, Sales Manager IT di Talkwalker

Alvise De Nardi è Sales Manager IT, ES e LATAM di Talkwalker, azienda che sarà presente al Global Summit Marketing & Digital di febbraio. Gli abbiamo fatto qualche domanda.

Ciao Alvise, raccontaci qualcosa della vostra azienda e dei suoi principali ambiti operativi e specializzazioni.
Talkwalker è uno dei principali fornitori tecnologici a livello globale nel settore della web & data intelligence, nato nel 2009 in Lussemburgo, con uffici ora anche a New York.
La chiave della nostra mission risiede in un approccio assolutamente pragmatico: aiutare i brand e le agenzie a ottenere informazioni strategiche dai dati online e social, e prendere decisioni di conseguenza. Per questo, oltre a evidenziare i parametri tipicamente web & social, spingiamo il cliente a rispondere alla domanda “so what?”, che affrontiamo apertamente fin dall’inizio con chi decide di fare di Talkwalker il proprio partner tecnologico.
Offriamo i nostri servizi sia a PMI che a multinazionali o grandi agenzie che hanno bisogno di analisi che sfociano negli ambiti della Business Intelligence e dei Big Data.

Un veloce bilancio del 2015: è andata come vi aspettavate? C’è davvero sentore di ripresa? Cosa è andato particolarmente bene o cosa non vi aspettavate?
Il 2015 è stato un anno di forte accelerazione per Talkwalker, che è passata dall’essere una startup con meno di 30 dipendenti a un’azienda con un organico di più di 70 persone, oltre metà delle quali impiegate nell’area R&D.
In riferimento all’offerta tecnologica in sé, Talkwalker ha visto 4 importanti aggiornamenti che ci hanno differenziati parecchio dalla concorrenza.
Dal punto di vista commerciale sul mercato italiano, nonostante vari momenti di transizione, è andata meglio del previsto, registrando un +10% rispetto all’anno precedente. A livello globale abbiamo registrato un’ottima annata, raddoppiando il turnover rispetto all’anno precedente.

Il 2016 è appena iniziato; quali sono secondo voi i trend più interessanti del vostro settore o ambito per quest’anno?
Mentre le domande più frequenti dell’anno scorso si concentravano su feature tecniche come l’analisi automatica del sentiment, quest’anno l’utenza appare più matura e preoccupata invece della qualità effettiva dei dati che si troverà ad analizzare.
La domanda principe di questo inizio anno riguarda infatti la copertura di fonti a livello globale e la qualità dei dati, sempre ricordando che la “tecnica”, per quanto eccellente, non è fine a sè stessa, ma è sempre al servizio dell’uso reale del cliente.
Molte volte affrontiamo anche la necessità di coordinare più dipartimenti che vogliono avere un unico database di dati Internet e social, perché scottati dalla frammentazione delle informazioni online.
A livello più generale, vediamo una sempre maggior voglia di integrare dati in modo cross-mediale, resa evidente dalle analisi che effettuano vari esperti di settore con cui collaboriamo, in cui si fondono senza soluzione di continuità TV, social e fonti online.
Infine, stiamo fremendo per lanciare tre grossi aggiornamenti, il primo dei quali in programma per marzo, che amplieranno radicalmente le applicazioni commerciali della data intelligence made in Talkwalker.

Avete già partecipato ad uno dei nostri eventi? Cosa vi aspettate dalla due giorni del 24 e 25 febbraio?
È la prima volta che partecipiamo a uno di questi eventi. Ci siamo avvicinati grazie alla referenza da parte di una delle agenzie con cui collaboriamo strettamente in Italia, e quello che ci aspettiamo è di incontrare brand con tanta voglia di fare digital ad alto livello.

Un lavoro o un’esperienza recente di cui andate particolarmente fieri.
Senza citare grossi nomi, visibili direttamente nel nostro sito web, ciò che ci rende particolarmente orgogliosi è il fatto che oltre l’85% dei nostri clienti non solo rinnova dopo il primo anno, ma decide nella grande maggioranza dei casi di effettuare un upgrade.

Grazie per averci concesso questa intervista, Alvise e a presto

Intervista a Brunella Brindani, Account Executive copiaincolla

Intervista a Mauro Cunial, Presidente di MM-one Group

Alessandro Cederle, Dir. Media Monitoring e Media Analysis dell’Eco della Stampa

Una settimana al Global Summit Marketing & Digital 2016

Resta in Contatto