close

Intervista a Sebastiano Furio, Direttore Commerciale di copiaincolla

Buongiorno Sebastiano, può raccontarci qualcosa della realtà copiaincolla-Nur?
Siamo una realtà anomala. Le agenzie come la nostra che, da oltre 15 anni, uniscono da un lato il digital e dall’altro creatività e contenuto, si contano sulle dita di una mano. Ma più che unirli, in realtà li consideriamo parte di un tutto. Sono entità funzionali l’una all’altra, che hanno confini spesso indefinibili. Sappiamo che lavorando in quella direzione, fondendo di continuo tecnica e imprevedibilità, possiamo raggiungere la migliore conversione possibile. Quella più consapevole. Un lavoro che ci ha portato i riconoscimenti delle numerose certificazioni Google, Facebook, Instagram.

Verrete a GEDsummit con qualche novità o ascolterete le necessità delle aziende visitatrici?
Per noi che sviluppiamo tecnica e creatività digital, le novità sono fisiologiche. Naturali. Sono un riflesso incondizionato della nostra idea stessa di comunicazione. Ma questo non è più il tempo della provocazione fine a sé stessa, dell’autoreferenza. Questo è un periodo in cui le aziende hanno domande e vogliono risposte. Prima potevano permettersi di sbagliare, di imparare da quegli errori, di arrivare così a risultati e ricavi. Ora no. Ora vogliono di più. Strade più precise, plasmate sulla loro identità, dirette verso destinazioni certe. Il nostro lavoro è arrivare a quella efficacia di risposta servendoci di tecnica e creatività. Difficile ma bellissimo.

Italia ed Ecommerce: binomio al palo o si sta muovendo qualcosa?
Faccio un passo indietro e lascio rispondere a Monica, nostro Direttore Tecnico, responsabile della supervisione dei progetti Ecommerce in ogni loro fase, dall’ideazione fino alla messa a punto dei singoli meccanismi dell’esperienza utente. “Al palo non direi. Credo ci sia molta voglia di fare, e di farlo bene. Vedo anche una buona apertura da parte dei clienti. Ce ne accorgiamo quando li formiamo per renderli autonomi nella gestione dell’Ecomm. Ce ne accorgiamo quando chiediamo loro di alzare l’asticella, di fare un salto di qualità nel valutare le questioni legate alla struttura del sito, all’usabilità, all’analisi dei dati. Non appena capiscono che la prospettiva da osservare deve essere più lunga, ci seguono. E i risultati arrivano.

In che modo potete essere partner per aziende che sfidano i colossi internazionali?
La medaglia della democraticità del web ha due facce: c’è quella “brutta” che sposta gran parte del successo verso chi ha più forza economica, e poi c’è la faccia “bella”: quella che dice che se sai spendere bene puoi andare a conquistare il tuo pubblico. I top-spender non potranno mai essere i padroni indiscussi finché ci saranno aziende più piccole, capaci di destinare budget mirati e di ritagliarsi la propria nicchia. Dare filo da torcere ai gigante è la missione che condividiamo con tutti i nostri clienti. Una partita sempre stimolante. Uno dei carburanti più prestanti per le nostre idee.

Qual è la vision della sua azienda in tema di Ecommerce, webmarketing, digital strategies? Quali le vostre linee guida?
Lo dice il titolo del workshop. In questi anni ci hanno tutti riempito la testa di parole inglesi che suonano bene; ma poi, stringi stringi, come si calcola la rendita vera di un Ecommerce? In questo tipo di lavoro servono conoscenza e studio, servono contenuti e capacità di applicarli. Se poi tutto questo viene condito con l’imprevedibilità creativa, le opportunità continueranno ad esserci e ad essere colte.

Grazie Sebastiano, ci vediamo a Bentivoglio.

Sebastiano Furio, Direttore Commerciale di copiaincolla

 

Intervista a Luca Targa, CEO di Inside

Intervista ad Alice Mazzoni, Digital Marketing Manager di Quix

Intervista a Michele Fadigati, Digital strategist e fondatore di WIP Italia

L’e-commerce in un mondo iperconnesso: Rivara di Akamai

Resta in Contatto