close

Intervista a Paolo Farinella, Technical & Sales Manager INCAS

Paolo Farinella, Incas GroupBuongiorno Paolo, ci racconti qualcosa della sua azienda e dei suoi principali ambiti operativi e specializzazioni.
INCAS SPA, con sedi operative a Biella (Vigliano) e Bologna (Cadriano), opera da 35 anni in un contesto di mercato internazionale, proponendo soluzioni automatiche, complete e personalizzate nell’ambito della Supply Chain.
Per quanto mi riguarda, ho ricoperto per 20 anni il ruolo di Product Manager & Team Leader nell’ambito delle soluzioni per la Gestione Operativa di Magazzino c/o INCAS: dal 2010 mi occupo di avan-progetti e dell’aspetto commerciale delle commesse, sempre prediligendo l’area dell’informatizzazione dei magazzini, su cui si basa tutta la mia esperienza professionale, fin dai tempi dell’università.

Un veloce bilancio del 2015: è andata come vi aspettavate? C’è davvero sentore di ripresa? Cosa è andato particolarmente bene o cosa non vi aspettavate?
Il 2015, per quanto ci riguarda, è stato un anno molto positivo, che ha seguito il trend di crescita degli anni precedenti. Ci aspettiamo molto anche dal 2016, che è partito altrettanto bene. Rimarchiamo un rinnovato clima di fiducia anche fra i nostri clienti, sia in quelli “storici” che nelle “new entry”. Difficile parlare di ripresa in senso assoluto: direi, più semplicemente, che gli imprenditori più avveduti sono stanchi di aspettare un improbabile aiuto esterno e si sono, una volta di più, rimboccati le maniche. E i risultati stanno arrivando.

Il 2016 è appena iniziato; quali sono secondo voi i trend più interessanti del vostro settore o ambito per quest’anno?
INCAS, com’è noto, si rivolge trasversalmente a tutti i settori industriali. L’eCommerce rappresenta senz’altro la “locomotiva”, alla quale agganciarsi: il tasso di crescita e le prospettive di mercato sono tra le più interessanti. Molti però sono i settori altrettanto promettenti: la distribuzione alimentare, specie nel fresco, i distributori tecnici (p.e. ricambi auto, idro-termo sanitari, ferramenta, ecc) ed i 3PL logistici a valore aggiunto non temono i mercati al ribasso. In ambito produttivo, i nuovi paradigmi della “Fabbrica 4.0” stanno creando nuove e concrete opportunità di progresso.

Avete già partecipato ad uno dei nostri eventi? Cosa vi aspettate dalla due giorni del 13 e 14 aprile?
Partecipiamo da molti anni agli eventi Global, sempre raccogliendo interessanti risultati. Anche per l’edizione di aprile ci aspettiamo di incontrare aziende interessanti, concrete, con l’entusiasmo per crescere e migliorare.

Quali sono le novità che presenterete al Global Summit?

Porteremo all’attenzione di tutti i grandi risultati raggiunti in termini di efficienza, velocità e precisione sul piano logistico dalle aziende che operano nella distribuzione dei prodotti freschi. Racconteremo di come Incas abbia messo a punto un nuovo ed efficace strumento di controllo, specifico per governare al meglio sistemi organizzati così “tirati”, un vero e proprio “cockpit” da Formula Uno in ambito logistico!

Grazie per averci concesso questa intervista e a presto.

Intervista a Leonardo Cipollini, Business Dev. Director, Siemens PLM Software

Intervista ad Attilio Casella, Direttore BU Innovation and Technology di Phloema

Intervista all’Ing. Marco Crasnich, CEO di Overlog

Quando il picking è strategico: Incas Spa

Resta in Contatto