close

Intervista a Michele Fadigati, socio fondatore e digital strategist WIP Italia Srl

Buongiorno Michele, grazie per questa intervista e per la partecipazione a #GMSummit17. Siete già venuti al Global Summit? Cosa vi aspettate da questo evento?
Grazie a voi, è la prima volta che partecipiamo al Global Summit e speriamo possa essere una occasione per conoscere e confrontarci con aziende convinte che il digitale possa dare un valido contributo alla loro storia. E anche per quelle che vedono nella rete qualcosa di cui, loro malgrado, non possono più fare a meno. Proveremo a convincerle che il digital non è una scocciatura ma una valida opportunità!

Il 2017 è iniziato da poco. Come è stato per la sua azienda l’anno che si è appena concluso e con quale spirito e progettualità affrontate quello nuovo?
Per WIP Italia il 2016 è stato un anno importante: siamo stati scelti per curare la strategia e User Experience & Service Design di e-commerce per la GDO e di importanti case di moda, abbiamo seguito progettazione e sviluppo per tanti siti e piattaforme online di aziende italiane e internazionali. Siamo attivi da 13 anni realizzando tutto l’iter, dall’ideazione creativa fino alla programmazione, ma ora i tempi sembrano finalmente maturi.
Molte aziende oggi colgono il valore portato da attori specializzati come noi, che possono operare in dialogo con le agenzie creative “tradizionali” (che li seguono sui temi di comunicazione di marca) e i System Integrator che li supportano per i loro complessi sistemi aziendali. In questo contesto siamo un punto di connessione, offrendo la creazione di una esperienza utente completa, non solo in termini di attenta progettazione di flussi e interfacce, ma come soluzione online di comunicazione e relazione a 360°, curando video e contenuti, servizi e funzionalità e traducendo in chiave digital il brand e la sua proposta.
Nel 2017 vorremmo offrire le nostre competenze alle tante aziende che, magari attive online da anni, ancora non hanno trovato il giusto partner per far dialogare con successo creatività e tecnologia a vantaggio dei propri consumatori.

Verrete al #GMSummit17 per presentare in particolare qualche novità oppure siete aperti con le vostre proposte all’ascolto delle aziende visitatrici e delle loro necessità e richieste?
Il nostro approccio è sempre stato quello di metterci a fianco delle aziende per supportarle nella definizione delle migliori soluzioni strategiche e tecniche per le loro attività di comunicazione e vendita online. Le esigenze sono spesso simili tra le aziende ma le risposte sempre diverse: le aziende sono come le persone, le aziende sono le persone… e ognuna ha necessità e caratteristiche peculiari. Stessa cosa vale per i loro consumatori e utenti: in rete non parliamo ad un generico “target”… ma ci rivolgiamo ad Anna, Luca, Paolo… Crediamo fortemente nella creazione di soluzioni custom per ogni singola azienda che sappiano coinvolgere, servire, offrire prodotti e informare in maniera specifica ogni singolo utente. Ovviamente abbiamo messo a punto una serie di tool di sviluppo che ci consentano la massima personalizzazione di front-end e funzionalità in tempi certi nel rispetto dei budget disponibili.

Quali sono secondo voi le sfide che attendono le aziende nel 2017? C’è qualcosa su cui ci si deve necessariamente confrontare, per non perdere treni e passaggi importanti, in questo scenario in continua evoluzione?
“Content is the King”… lo dicono tutti ma ancora pochi lo applicano davvero. Ed è sempre più determinante per creare interazione e relazione con gli utenti, anche per chi vuole “solo” vendere online. Il sito più intrigante e interattivo, l’e-commerce più efficace e smart, la piattaforma con le funzionalità più utili e interessanti sono validi contenitori. Ma se manca la narrazione non “scatta” la relazione con l’utente. In questo senso, ci siamo resi conto di quanto sia difficile per le aziende “raccontare” il proprio marchio e i propri prodotti/servizi senza risultare freddi, lontani o non convincenti. L’approccio “pubblicitario”, fatto di sintesi, iperbole e archetipi, in rete non paga e viene rigettato. Abbiamo appena aperto una società dedicata specificatamente allo storytelling proprio per venire incontro a questa apparente problema che in realtà è una preziosa opportunità. Non limitarsi ad offrire la propria “produzione” agli utenti ma raccontargliela in maniera convincente e coinvolgente.

Ci sono tante realtà che offrono i propri servizi alle aziende che vogliono essere presenti online e differenti sono gli approcci e le competenze offerte. Quali sono in sintesi gli elementi distintivi della vostra azienda?
Abbiamo sempre agito in risposta alle sollecitazioni dei nostri clienti, prima le agenzie pubblicitarie che ci coinvolgevano per la “versione web” dei loro progetti e oggi per le tante aziende, sia PMI che multinazionali, che ci chiamano per le loro necessità lato digital. L’approccio è sempre stato il medesimo: domandarci caso per caso e in maniera creativa come la tecnologia e la rete avrebbe potuto rispondere al meglio a quelle esigenze e renderle concrete attraverso una valida progettazione e un attento sviluppo. Con la nostra firma “Full Creative Technologist ” intendiamo proprio questo: da noi l’ideazione creativa sfrutta la tecnologia e ogni soluzione tecnica è affrontata creativamente.

Grazie per averci concesso questa intervista, ci vediamo a febbraio a Lazise (VR).

Michele Fadigati, socio fondatore e digital strategist in WIP Italia S.r.l.

Intervista a Marco Gusella, CEO di Gusella ADV

Oltre 500 partecipanti all’edizione 2015 del “Global Summit Marketing & Digital”

Intervista a Gloria e Davide Cocchi, di cocchi&cocchi

Intervista a Piermario Tedeschi, Managing Director di Digital Angels

Resta in Contatto