close

Intervista a Luca Targa, CEO di Inside

Siete già venuti al Global Summit? Cosa vi aspettate da questo evento ed eventualmente cosa avete apprezzato delle altre partecipazioni?
Buongiorno sono Luca Targa, CEO di Inside, agenzia di comunicazione, web marketing e digital strategies da 30 anni nel settore. Siamo molto felici di partecipare nuovamente al Global Summit, oramai si può dire che siamo degli affezionati di questa manifestazione, che ci ha sempre dato molte soddisfazioni. Anche quest’anno ci aspettiamo di conoscere realtà interessanti, aziende che hanno bisogno di agenzie strutturate e preparate a soddisfare le loro esigenze. Questo è il nostro intento e il motivo per cui partecipiamo con sempre molto entusiasmo al Global Summit, per offrirci come partner, e non semplici fornitori, mi piace sempre sottolinearlo, ad aziende che hanno bisogno di comunicarsi in maniera efficace, aumentando la propria brand awareness e incrementando le proprie vendite.

Il 2017 è iniziato da poco. Come è stato per la sua azienda l’anno che si è appena concluso e con quale spirito e progettualità affrontate quello nuovo?
Il 2016 è stato per Inside un anno davvero importante, non solo perché abbiamo avuto il piacere di celebrare insieme ai nostri clienti i 30 anni di attività, ma anche a livello di numeri. Abbiamo chiuso con 15 nuovi clienti e il mantenimento di tutti quelli in portfolio, con un aumento di fatturato che si è confermato al +30% come nei due anni precedenti. Da qui vogliamo partire in questo 2017, sperando di poter continuare questo trend e migliorarlo se possibile, ma direi che siamo sulla strada giusta avendo già acquisito tre nuovi clienti nel mese di gennaio. La cosa più importante è continuare a lavorare con la passione e l’impegno che ci ha sempre contraddistinto, perché solo seguendo i nostri clienti passo dopo passo nella loro crescita, possiamo continuare a crescere anche noi.

Verrete al #GMSummit17 per presentare in particolare qualche novità oppure siete aperti con le vostre proposte all’ascolto delle aziende visitatrici e delle loro necessità?
Come ogni anno verremo al Global Marketing apertissimi all’ascolto delle necessità di tutte le aziende visitatrici, ma allo stesso tempo illustreremo loro quelle che sono le nostre novità e peculiarità.
Avrò il piacere di tenere due speech, davvero molto colorati e particolari:

    • il primo si chiama “Intercetta, converti, vendo e fidelizza, tutto in un gesto dal tuo dispositivo mobile.”, nel quale spiego come scrivere per vendere, ovvero creare perfetti contenuti, molto efficaci al fine della vendita, per quello che oramai sta diventando sempre più il padrone del traffico nella rete, il mobile;
    • il secondo, invece, è un gioco che desidero fare con la vostra splendida platea, si chiama “Il “cartomarketing”: metti il cliente al centro dell’attenzione nelle tue attività di digital marketing e non solo.”, dove attraverso un gioco di carte cercherò di spiegare come identificare il cliente che si ha di fronte, e di conseguenza, come approcciarlo e con quali strumenti, digitali e non, al fine di concludere la vendita.

Insomma, credo proprio ci sarà da divertirsi!

Quali sono secondo voi le sfide che attendono le aziende nel 2017? C’è qualcosa su cui ci si deve necessariamente confrontare, per non perdere treni e passaggi importanti, in questo scenario in continua evoluzione?
Ogni anno il mercato diventa sempre più competitivo e dinamico, rendendo più difficoltoso emergere. Un’evoluzione digitale che siamo stati bravi a prevedere e che non ci ha trovati impreparati. Il segreto di Inside? Ricerca, innovazione, alti investimenti in tecnologia e formazione. Ritengo, inoltre, che uno degli elementi più importanti su cui puntare e da non ignorare assolutamente, sia la gestione dei “contatti”. Incontriamo quotidianamente aziende che hanno ottime potenzialità e database importanti, ma che non sono in grado di sfruttare questa immensa risorsa. Operazioni di lead generation e lead nurturing diventano quindi fondamentali per poter far decollare il proprio business, attraverso attività che permettono di aggiornare costantemente i propri clienti e contattare i prospect, coccolandoli attraverso iniziative e comunicazioni personalizzate, per non farli sentire un semplice numero.

Quali sono al momento i personaggi del digitale italiano cui attribuite una vision o una prospettiva più lucida e che vi ispirano in ambito lavorativo?
Il panorama del digitale italiano sta sfornando diversi personaggi, tutti molto validi e alcuni anche amici, per questo preferisco non fare dei nomi, perché correrei certamente il rischio di dimenticarmene qualcuno. La cosa che noto con molto piacere è che esiste un comune denominatore tra le loro teorie, indipendentemente che parlino di social media marketing, search engine marketing o web marketing più in generale: il concetto del metodo. Affinché un progetto, specialmente nel mondo digitale, abbia successo, è necessaria una buona strategia e armarsi di tanta pazienza. Bisogna essere sicuri degli obiettivi che si vogliono raggiungere, avere piena consapevolezza dei modi e dei tempi con cui perseguirli, e di conseguenza fare una pianificazione puntuale e realistica. Nel mondo digitale non ci si può assolutamente improvvisare specialisti da un giorno all’altro, ma è importantissimo investire tanto tempo. Questo è un concetto che viene spesso ribadito dai marketer più illustri, e questo è ciò che noi cerchiamo di trasmettere ai nostri clienti quotidianamente, perché per avere risultati di un certo livello sono fondamentali progettualità, impegno e metodo. Senza di essi si rischia solamente di essere travolti dalla voracità e dalla rapidità del digitale.

Luca Targa, CEO di Inside

Intervista a Antonino Zito, Managing Director di Comunico Group

Intervista a Roberto Vicenzi di Centro Computer

Intervista a Piermario Tedeschi, Managing Director di Digital Angels

Intervista a Daniele Borgonovo e Stefano Zoia di Tinext

Resta in Contatto