close

Intervista a Gloria e Davide Cocchi, di cocchi&cocchi

Buongiorno Gloria e Davide Cocchi, rispettivamente brand identity coach e art director di cocchi&cocchi e rigorosamente fratelli, grazie per questa intervista e per la partecipazione a #GMSummit17. Siete già venuti al Global Summit? Cosa vi aspettate da questo evento ed eventualmente cosa avete apprezzato delle altre partecipazioni?
Sì, questa è la nostra quarta edizione del Global Summit. Per noi è un momento importante, ci permette di incontrare nuove imprese, ascoltarle e conoscerne i bisogni per trovare nuove soluzioni per la comunicazione dell’identità di marca. L’incontro pensiamo sia il valore più importante di questo evento. L’incontro genera scambio e contaminazione. È creativo.

Il 2017 è iniziato da poco. Come è stato per la vostra azienda l’anno che si è appena concluso e con quale spirito e progettualità affrontate quello nuovo?
Il 2016 è stato un anno tanto faticoso, quanto importante e positivo. Ci siamo esposti molto in termini di immagine e di investimenti e il mercato ha risposto positivamente. Con il 2016 abbiamo compiuto 10 anni di esperienza nel fare branding e 20 nella comunicazione d’impresa, sentiamo di aver raggiunto quel livello di conoscenza del mercato che ci permette di essere un effettivo valore aggiunto per i nostri clienti.
Per il 2017 abbiamo in serbo una bella novità e molte proposte formative.

Verrete al #GMSummit17 per presentare in particolare qualche novità oppure siete aperti con le vostre proposte all’ascolto delle aziende visitatrici e delle loro necessità e richieste?
Saremo presenti con due nuovi workshop. Il primo si terrà il 22 febbraio alle 10 e vuole essere una riflessione sul futuro del branding per la nuova impresa. L’industria 4.0 oramai è una realtà che il mondo dell’identità di marca non può e non deve ignorare. Un’efficace azione di branding per l’organizzazione d’impresa diventa un vantaggio strategico notevole. Insieme vedremo come capitalizzare questo vantaggio.
Il secondo workshop, invece, si terrà il 23 febbraio sempre alle 10. Racconteremo, portando un case history di successo, cosa può fare un’azione di branding per un’impresa b2b. Vedremo in modo operativo l’effetto che ha essere un brand in un settore in cui pochi osano farlo. Da leccarsi i baffi!
In più Gloria parteciperà insieme a Sonia Milan e Filippo Margary ad una tavola rotonda moderata da Claudio Gagliardini e dal titolo “Branding Strategies per l’industria 4.0”. Il tema è caldo e interessante.

Quali sono secondo voi le sfide che attendono le aziende nel 2017? C’è qualcosa su cui ci si deve necessariamente confrontare, per non perdere treni e passaggi importanti, in questo scenario in continua evoluzione?
La sfida è sempre, e sarà sempre, la stessa: chiarezza di visione e strategia d’impresa. Una volta che un’azienda ha raggiunto questo non deve più temere nulla e può considerarsi salva dalle mode del momento. Ogni anno c’è una nuova sfida. Oggi le aziende si devono preparare alla sempre più imminente industria 4.0, ma con visione e strategia sarà facile farlo e ancor più facile sarà comprendere quali investimenti vale veramente la pena fare e quali lasciare ad altri perché fuori dai propri obiettivi. Il brand comanda e definisce la strada da percorrere.

Grazie per averci concesso questa intervista, ci vediamo a febbraio a Lazise (VR).

Gloria e Davide Cocchi, di cocchi&cocchi

Intervista a Roberto Vicenzi, Vice Presidente di Centro Computer

Intervista a Fabio Ardu, owner di TC Rec Produzioni Audio&Video

Intervista a Rinaldo Zambello, Direttore Commerciale di Nur

Intervista ad Andrea Mariotti, Sales Manager di Diennea – MagNews

Resta in Contatto