close

Intervista a Francesco Stolfo, Partner e Business Dev. Manager di ToolsGroup

Buongiorno Francesco, grazie per questa intervista e per la partecipazione a #gedsummit16. Prima di entrare nel vivo di questa breve intervista, può raccontarci qualcosa della sua azienda?
ToolsGroup non è nuova a questo tipo di eventi, è un gruppo internazionale che si occupa prevalentemente di sviluppare soluzioni avanzate di pianificazione e ottimizzazione della supply chain e dei processi di pianificazione commerciali. Da quest’anno siamo stati inseriti da Gartner tra le soluzioni leader a livello mondiale nei sistemi di Supply Chain Planning e per due anni di seguito l’istituto americano Nucleus ci ha nominato leader assoluto tra i fornitori di soluzioni di ottimizzazione dello stock.

Verrete al #gedsummit16 con qualche novità oppure siete aperti all’ascolto delle aziende visitatrici e delle loro necessità e richieste?
Siamo ovviamente interessati a capire cosa chiede il mercato e quali sono gli aspetti di maggiore interesse delle aziende partecipanti. Detto ciò siamo anche a presentare casi reali di aziende con le quali abbiamo di recente lavorato.

Italia ed Ecommerce: un binomio ancora al palo, come sostengono in molti, o si sta muovendo qualcosa anche da noi, in questi ultimi anni?
La questione non è che si sta muovendo qualcosa, la questione è che si deve per forza muovere qualcosa! Secondo me è sbagliata la prospettiva con la quale fino ad oggi è stato visto il tema e-commerce. Siamo in un mondo globale senza più reali confini: non si tratta di guardare quello che si fa in Italia su questo tema, si tratta di vedere cosa succede nel mondo perché è lì che anche il cliente italiano si va a servire. La vera competizione è quella di poter soddisfare il bisogno del consumatore a 360°. L’acquisto dei prodotti non è più vincolato a un solo canale: può avvenire su internet o sotto casa, così come la consegna dei prodotti: tutto dipende da dove il cliente decide di essere servito.
È una sfida che rivoluziona: la logistica, il marketing i modelli di vendita e di acquisto.

Per le aziende che già si stanno confrontando con l’Ecommerce la sfida è quella di tenere testa ai colossi internazionali, con la necessaria convinzione che Davide possa di nuovo sconfiggere Golia. In che modo la vostra azienda può essere un partner strategico in questo scenario?
L’esperienza che vuole vivere il potenziale consumatore che acquista su internet può essere molto diversa a seconda del tipo di prodotto o servizio fornito. Se acquisto dei pomodori per fare l’insalata alla sera la spesa deve arrivare prima di cena, se acquisto un regalo per Natale non può arrivare a Santo Stefano. Il nostro “Davide”, ovvero l’azienda Italiana che vuole fare concorrenza ai colossi, deve agire in modo intelligente e capire dove occorre investire e dove anticipare i bisogni dei clienti per essere in grado di garantire il servizio e la puntualità nella consegna. ToolsGroup sta lavorando con grosse aziende americane ed europee aiutandole a ottimizzare lo stock dei prodotti che occorre tenere a disposizione per soddisfare appunto questa necessità primaria. Non solo: ci spingiamo anche a capire il comportamento dei consumatori per capire se esiste una propensione ad altri acquisti e quali prodotti potrebbero essere interessati a acquistare di nuovo.

Ecommerce, webmarketing, digital strategies: riesce in poche righe a darci un’idea della vision della sua azienda rispetto a queste tematiche? Quali sono, se potete fare un accenno, i vostri punti fermi e le vostre linee guida?
La strategia è una sola e vale più che mai nel mondo e-commerce: il punto centrale deve essere il cliente. È lui il vero boss (citando il titolo dell’intervento che faremo nel corso dell’evento). È il cliente che alla fine decide cosa comprare, come e dove farlo e quello che occorre fare è cercare di soddisfarlo al limite della capacità e dei costi. In questo contesto, dove il catalogo dei prodotti è in continua espansione, non è più sufficiente applicare il buon senso imprenditoriale di una volta: bisogna essere molto analitici e decidere ogni mossa (es. acquisti, trasferimenti di prodotto, promozioni, strategie di advertising ecc…) in modo da garantire un ragionevole margine. Tutto questo può e deve essere fatto con un approccio alle decisioni il più possibile Data-Driven. Fortunatamente, a differenza del passato, disponiamo di tecnologie e metodi di controllo e di calcolo a supporto delle decisioni.

Grazie per averci concesso questa intervista, ci vediamo a metà giugno a Bentivoglio (BO).

Francesco Stolfo, Partner e Business Development Manager di ToolsGroup

Intervista a Greta Liscio, PR & Communications Manager di POSpulse

Intervista a Marco Casetta, Co-Founder e Dir. Ricerca e Sviluppo Gsped.com

Intervista a Carlo Caporizzi, CEO di GMDE

Intervista ad Andreas Cunial, Head of Sales di MM ONE GROUP

Resta in Contatto