close

Intervista a Christina Mosele, Sales & Marketing Manager di MBM Italia

Buongiorno Christina Mosele, grazie per questa intervista e per la partecipazione a #GLMSummit17. Cosa vi aspettate da questo evento? Con quale spirito vi apprestate a prendervi parte?
Buongiorno a voi, MBM ha aderito quest’anno per la prima volta a tale iniziativa, partecipazione che si colloca all’interno di un cambio di approccio che l’azienda sta avendo nei confronti degli operatori del settore e del mercato. Mentre fino a qualche tempo fa ci basavamo solo sul word-of-mouth, riteniamo importante oggi, in uno scenario globale di forte mutamento, ed in particolare della nostra struttura interna, rivolgerci ai nostri interlocutori in modo diverso. Sarà quindi l’occasione per presentare, a chi ancora non le conosce, le nostre innovative soluzioni e le forti competenze. Gli ambienti production, logistics e operation sono infatti quelli che ci vedono coinvolti sul campo quotidianamente, e dove troviamo maggiore soddisfazione, siamo quindi certi di partecipare ad un’iniziativa in cui avremo modo di dare il nostro contributo e condividere molti argomenti.

Siamo ormai nel secondo semestre di quello che da più parti è stato indicato come un anno di ripresa, dopo un decennio di grande crisi. Come sta andando il vostro 2017? Vedete segnali importanti per un periodo di crescita, già dal 2018?
Fortunatamente non possiamo ricordare gli anni appena trascorsi come periodo di crisi, anzi, per MBM sono stati tempi di forte sviluppo. Nonostante i 38 anni di storia abbiamo degli indici di crescita da startup (+28%). Questo naturalmente, grazie a tutte le aziende che hanno scelto, e scelgono ogni giorno, le nostre soluzioni a supporto dei loro processi aziendali, ma anche al consolidamento degli importanti investimenti fatti negli anni passati: soluzioni software interamente web-based fruibili in modalità Cloud e potenziamento degli algoritmi di calcolo, che non si basano su tecniche euristiche, ma perseguono obiettivi di ottimizzazione basati su tecniche di ricerca operativa.
Siamo fiduciosi quindi che il 2018 ci riserverà altrettante soddisfazioni, vista anche la sensibile ripresa dei mercati.

Ci sono delle novità che presenterete al #GLMSummit17 o un prodotto o servizio che metterete in qualche modo in evidenza o di cui volete accennare in queste righe?
Questa per MBM, sarà l’occasione di divulgare i benefici ottenibili grazie all’utilizzo di soluzioni che si basano sull’ottimizzazione matematica. Oltre alla pianificazione dei materiali e delle risorse produttive a capacità finita e alla schedulazione della produzione, con queste innovative tecniche, è possibile risolvere problematiche che prima non erano risolvibili o se lo erano, richiedevano grossi investimenti di risorse e tempo uomo.
Consolidata l’esperienza nella schedulazione della produzione, gestiamo ora processi produttivi e logistici molto complessi, con performance elaborative elevatissime dando risposte efficaci in tempi molto rapidi.

Si fa un gran parlare di Industria 4.0, una sfida importante per un futuro (che in molti modi è già presente) che ci riserva enormi cambiamenti. Come state affrontando questa sfida e cosa consigliate ai vostri clienti, per crescere in questa direzione?
Ritengo che, per chi si occupa di sistemi informativi, l’Industria 4.0 sia l’obiettivo principe. Fin dai primi anni di attività, la filosofia di MBM è stata quella di integrare i processi interni all’azienda e le aziende all’interno delle supply chain. Da anni sviluppiamo sistemi informativi per abbattere i muri dell’informazione perché le imprese interagiscano tra loro attraverso flussi informativi integrati.
Industria 4.0 è senza dubbio un incentivo di cui approfittare per avere processi produttivi e logistici sempre più fluidi ed ottimizzati, target a cui dovrebbero mirare non solo le aziende di medio/grandi dimensioni, ma anche e soprattutto le PMI.

Quando guardate al futuro e ai possibili scenari prossimi del vostro settore, quanto in avanti riuscite a spingervi? 5, 10, 20 anni? Quale sarà, secondo voi, il cambiamento più impattante per il settore, nei prossimi 10 anni?
Fortunatamente i nostri Clienti sono molto esigenti e ci incentivano a guardare sempre lontano, è proprio questo l’obiettivo e il ruolo che ci poniamo. Senza dubbio l’orizzonte temporale a cui ci rivolgiamo quando facciamo investimenti di ricerca e sviluppo è decennale: molte delle nostre soluzioni erano ready to use ancor prima che il mercato le richiedesse; né è un esempio quella relativa alle gestione dei flussi logistici esterni all’azienda (Delivery Control).
In generale, il tema che immagino pervaderà anche il mondo dell’industria nei prossimi anni sarà quello dell’Intelligenza Artificiale, delle possibili applicazioni ne riparleremo più avanti…

Grazie per averci concesso questa intervista, ci vediamo il 15 e 16 novembre a Lazise.

Christina Mosele, Sales & Marketing Manager di MBM Italia

Il programma del Global Summit Logistics & Manufacturing 2017

Intervista a Gioachino Figlia, Vice President Business Development, CEVA Logistics Italia

Intervista a Paolo Donno, Responsabile Commerciale di FACS Srl

Intervista a Guido Ivaldi, Dir. Logistics Systems di JUNGHEINRICH ITALIANA

Resta in Contatto